Anche l’intelligenza artificiale conferma: Dybala è tornato star

Paulo Dybala, 25 anni. Afp

L’indice Wallabies sul rendimento degli attaccanti conferma la rinascita di Paulo: nella scorsa stagione chiuse al 43° posto

Paulo Dybala ha voglia di riprendere da dove s’era fermato. Da quel gol all’Inter (“una genialata”, parola di Ale Del Piero) che sembrava valere una fetta di scudetto, prima che la pandemia coronavirus gettasse un alone di dubbio sulla ripresa della Serie A. Mentre combatte gli ultimi sintomi del virus che l’ha colpito insieme alla fidanzata Oriana, il numero 10 della Juve può caricarsi ripercorrendo mentalmente la sua stagione 2019-20, che era già pazza prima dello stop forzato.

Sì, perché Dybala in estate pareva incasellato alla voce “esuberi”, ragioni di Fair play finanziario lo spingevano ora verso il Psg ora verso il Manchester Utd, in uno scambio comprendente Lukaku che alla fine non è mai andato in porto. Paulo ha voluto fortemente rimanere a Torino, il popolo bianconero l’ha acclamato e da lì è partita la grande rimonta. Certificata anche dai numeri: l’indice Wallabies lo colloca oggi al 14° posto per rendimento nella classifica mondiale degli attaccanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *