Terim, l’Imperatore senza paura e senza compromessi, tra Italia e Turchia: “Temo solo Dio”

Fatih Terim, una coppa Uefa col Galatasaray, in Italia con Fiorentina e Milan. Lapresse

L’eroe che ha vinto una storica Coppa Uefa col Galatasaray, portato la sua Nazionale alle soglie di una finale europea. Ma si è fatto ricordare a Firenze e al Milan nonostante gli esoneri: un allenatore leader

Il mestiere di allenatore: difficile, affascinante, anche esaltante. Dedichiamo una serie di ritratti ai tecnici che hanno segnato la storia del calcio, italiano e internazionale, suddivisi in tre categorie: i condottieri, quelli che si sono imposti grazie al loro carisma, diventando delle icone; i rivoluzionari, quelli che con le loro idee hanno cambiato il modo di giocare; i filosofi, che si sono resi celebri con il loro pensiero originale. Questa puntata è dedicata a Fatih Terim.

Juve: il giovane Chibozo a lezione dal maestro CR7

Angel Josuè Chibozo, 16 anni GETTY

Ha 16 anni, arriva dal Benin, e nelle giovanili ha una media gol impressionante: ora si sta allenando con i grandi

Ritrovarsi fianco a fianco con Cristiano Ronaldo. Così, quasi all’improvviso. La Juve nei giorni scorsi ha aggregato alla prima squadra nove giocatori delle giovanili, che hanno la possibilità di respirare da vicino il calcio dei grandi. Non una novità in casa bianconera: con Sarri generalmente si allenano ragazzi del 1998, del 1999 e del 2000. Nel gruppo però ce n’è anche uno del 2003, che non ha ancora compiuto 17 anni (lo farà l’1 luglio) e di cui si parla un gran bene da tempo.

Il Torino non si ferma: da domani allenamenti al Filadelfia

Un'immagine d'allenamento del Torino prima della sospensione. Lapresse

La positività al Covid-19 di un giocatore, annunciata ieri, non modifica i piani dei granata: via alle sedute individuali facoltative

Nessun cambio di programma nelle tabelle di marcia del Torino, nonostante la positività al Covid-19 comunicata ieri dal sito ufficiale di un giocatore di cui non è stata resa nota l’identità. Da domattina le porte del Filadelfia si riapriranno per il resto della prima squadra: Belotti e compagni potranno correre sui due campi, a gruppi di 3 o 4 giocatori per volta, per sedute individuali e facoltative.

Acquisto maglie calcio replica online,maglia Torino replica personalizzate,per fornire il miglior servizio al prezzo più basso. Benvenuti a questo acquisto.

Werner, la clausola scende a 50 milioni: l’Inter spera

Timo Werner, 24 anni, centravanti del Lipsia: 21 gol in questa Bundesliga. Lapresse

Se il Lipsia non vince il titolo, Timo costa 10 milioni in meno

All’orizzonte compaiono buone notizie su Timo Werner, il goleador del Lipsia che l’Inter ha individuato come il sostituto ideale di Lautaro Martinez. Mentre i vertici nerazzurri tessono la tela della trattativa con il Barcellona, in contemporanea si tengono in contatto anche con l’entourage dell’attaccante lanciato da Ralf Rangnick: sì, proprio lui, il manager candidato a guidare il Milan.

Wilhelmsson, da ala della Roma a re degli alberghi: “Che brividi quando parlava De Rossi”

Christian Wilhelmsson, 40 anni. Afp

L’ex esterno svedese oggi vive a Dubai ma non dimentica i giallorossi: “Con Spalletti avevo un grande rapporto. Ibra? Se fossi il Milan lo terrei”

“Buongiorno, come stai?”. Poi prosegue in inglese, scusandosi: “Sono le uniche parole in italiano che ricordo”. Christian Wilhelmsson ha dimenticato la nostra lingua, ma non la Roma e il Colosseo: “Una città speciale”. 25 partite in sei mesi, un gol e una Coppa Italia vinta: “Arrivai a gennaio 2007, non sarei mai andato via”.

Svedese di Malmö come il suo amico Ibra, Wilhelmsson ha 40 anni e vive a Dubai con la famiglia. Da calciatore correva sulla fascia, ora fa l’imprenditore: “Ho fondato Admares, una società di costruzioni d’avanguardia. Alberghi di lusso sull’acqua, strutture sanitarie, case”. Vive in una villa a Palm Jumeirah, un arcipelago alle porte di Dubai, e lavora anche come scout per alcuni club degli Emirati Arabi. Il calcio è ancora il suo mondo.

Stadio Roma, stop all’acquisto dei terreni di Tor di Valle

Dan Friedkin, 54 anni. Ansa

La frenata nella trattativa di Friedkin per il passaggio di proprietà del club fa saltare anche l’altra operazione

Frenata nella trattativa Friedkin per il passaggio di proprietà della Roma, brusco stop anche per l’acquisto dei terreni di Tor Di Valle – dove dovrebbe sorgere il nuovo stadio della Roma – da parte dell’immobiliarista ceco Radovan Vitek. A comunicarlo, vista la situazione economica generale e in particolare italiana in seguito all’emergenza coronavirus, è Martin Nemecek, direttore generale del gruppo Cpi al giornale ceco E1: “L’operazione è rinviata. Abbiamo discusso, ma non abbiamo assunto alcun impegno. Alle condizioni finanziarie di cui avevamo parlato, non è possibile concludere l’accordo”.

La trattativa di Vitek e del suo gruppo non aveva direttamente a che fare con la Roma, ma con il gruppo di Luca Parnasi, ex socio di Pallotta. Vitek avrebbe dovuto rilevare il debito di Parnasi con Unicredit e quindi acquistare anche i terreni di Tor di Valle, ma al momento ha interrotto tutto perché non c’è accordo economico.

Luis Enrique, 50 anni in stand-by: la Spagna è ferma, la sua vita riparte

Luis Enrique, 50 anni, è tornato ct della Nazionale spagnola lo scorso novembre. Epa

Il c.t. delle Furie Rosse festeggia il compleanno in un momento molto delicato per lui e il suo Paese, che in questi giorni sta iniziando a rivedere la luce

“Le sue nuove idee avrebbero dovuto portare a un rendimento diverso, con meno alti e bassi, con più identità di gioco. Invece perché siamo arrivati a questo punto?”. Luis Enrique guarda il giornalista, con espressione concentrata, ma non risponde. Cinque secondi, dieci, venti. Silenzio imbarazzato nella sala stampa di Trigoria. È maggio, il sole di Roma impigrisce ancora di più un ambiente già fiaccato da una stagione degenerata fino all’esaurimento nervoso. L’allenatore sembra il più provato.

Napoli, nuovo tampone ai giocatori: se sarà ancora negativo allenamenti da sabato

Rino Gattuso. Getty

Il primo esito era stato negativo per tutti. Domani l’esito: se il risultato sarà lo stesso squadra al lavoro a Castelvolturno.

Nella prima parte della mattinata, i giocatori del Napoli si sono sottoposti al secondo tampone nasofaringeo dopo quello effettuato martedì che ha dato esito negativo per tutti i componenti l’organico, oltre alle persone dello staff tecnico e ad alcuni dirigenti che abitualmente sono a stretto contatto con la squadra. “Questi tamponi sono abbastanza fastidiosi, perché si tratta di entrare dalla bocca e dal naso con dei tamponi sgradevoli, andando in profondità su mucose orali e nasali, ma ci danno un’affidabilità altissima”, ha spiegato Vincenzo Mirone, professore ordinario di Urologia dell’Università degli Studi di Napoli, Federico II, intervenendo a Radio Punto Nuovo.

Acquisto maglie calcio replica online,maglia Napoli replica personalizzate,per fornire il miglior servizio al prezzo più basso. Benvenuti a questo acquisto.

Kessie bloccato in Costa d’Avorio. Intoccabile beffato dal lockdown

Franck Kessie, 23 anni, al Milan dal 2017-18. LaPresse

Il centrocampista è il rossonero più presente degli ultimi 3 anni nonostante mercato e i cambi tecnici. Frontiere chiuse, sarà l’ultimo rossonero a rientrare

Più passano i giorni e più l’ipotesi prende corpo: Franck Kessie potrebbe essere l’ultimo calciatore del Milan a rientrare in Italia. Per Zlatan Ibrahimovic, l’altro rossonero assente giustificato alla ripresa dei lavori di oggi a Milanello, è questione di poco: entro il weekend lo svedese sarà a Milano e si sottoporrà alle due settimane di quarantena prima di tornare ad allenarsi con i compagni.

Piscine, palestra, sale relax e… La ripartenza bianconera passa dal gioiello J Hotel

L'ingresso del J Hotel alla Continassa

Rugani, Chiellini e Bernardeschi ci hanno soggiornato a marzo, altri potrebbero fare lo stesso ora: un gran vantaggio per lavorare in sicurezza

Per lavorare in sicurezza e rispettare i protocolli. Il J Hotel è la soluzione che la Juve ha già in casa per lavorare al meglio in questa Fase 2 in cui anche il mondo del calcio cerca di tornare alla normalità. Molto importante, per non dire fondamentale, il collegamento fra il centro sportivo della Continassa, che sorge alla periferia Nord Ovest di Torino, e, appunto, l’adiacente Hotel, dove la squadra di solito va in ritiro prima delle partite e dove i giocatori hanno le camere singole a disposizione.